sabato 15 febbraio 2020 dalle 9 alle 18

SEMINARIO CINELOGOS

VITTORIO LINGIARDI

Accusare il colpo - Cinema e trauma

L’acquisizione o il miglioramento della competenza autobiografica rappresentano uno degli obiettivi primari della terapia e uno dei marker della sua efficacia. Difficoltà nella narrazione di sé sono tipiche dei pazienti traumatizzati: faticano a raccontare la loro storia, a ricordare il prima e il dopo; aderiscono a storie rigide e impersonali; sono sopraffatti da esperienze non raccontate, incapaci di trovare una narrativa capace di contenere il dolore traumatico. La vita segreta delle parole, un film del 2005 della regista spagnola Isabel Coixet, è un ottimo esempio dell’intreccio fra trauma individuale e collettivo e del legame tra conoscenza della storia, racconto del trauma e sentimento di riparazione.

09:00 / 09:15 Apertura lavori

09:15 / 10:00 Lecture del relatore  

10:00 / 11:00 Proiezione materiali cinematografici sul tema

11:00 / 13:00 Discussione

13:00 / 14:00 Pranzo

14:00 / 15:45 Proiezione “La vita segreta delle parole” (I. Coixet, 2005)  

16:00 / 18.00 Analisi del film e discussione

 

 per informazioni e iscrizioni www.cinelogos.it

Vittorio Lingiardi è psichiatra, psicoanalista e professore ordinario di Psicologia dinamica presso la Sapienza Università di Roma, dove per molti anni ha diretto la Scuola di specializzazione in Psicologia clinica. È coordinatore scientifico, con Nancy Williams, del progetto internazionale Psychodynamic Diagnostic Manual (PDM-2, Guilford Press 2017; Cortina 2018), vincitore dell’American Board & Academy of Psychoanalysis Book Prize. Tra i suoi libri ricordiamo Citizen Gay. Affetti e diritti (il Saggiatore, 2016); Mindscapes. Psiche nel paesaggio (Cortina, 2017; premio Viareggio-giuria); Diagnosi e destino (Einaudi, 2018); Io, tu, noi. Vivere con se stessi, l’altro, gli altri (Utet, 2019).   Collabora con l’inserto culturale «Domenica del Sole-24 ore», con «la Repubblica» e «il Venerdì», dove dal 2015 tiene la rubrica «Psycho» su cinema e psicoanalisi. Nel 2018 la Società Psicoanalitica Italiana gli ha conferito il Premio Musatti. Quest’anno gli è stato assegnato il Research Award della Society for Psychoanalysis and Psychoanalytic Psychology (Division 39) dell’American Psychological Association.