7 febbraio 2009

RIFLESSIONI

PER UNA SOCIETÀ TRASPARENTE

DAL FOTO-GIORNALISMO DELL’AGENZIA MAGNUM ALLE ATTIVITÀ NEL SOCIALE, DALLA CRISI FINANZIARIA GLOBALE ALL’ANALISI DELLE PROFESSIONI INTELLETTUALI

Professioni Trasparenti inaugura gli incontri del 2009 con un convegno dedicato alla trasparenza nelle professioni intellettuali, nella finanza internazionale, nel foto-giornalismo e nelle attività del sociale

1/4

Presentata per la prima volta il 24 maggio scorso alla presenza di Roberto Vecchioni (professore e cantautore), Gianluca Carpiceci (EUG Marketing di Coca Cola) e Paola Corna Pellegrini (direttore generale Zambon Group) intervenuti come testimonial, l’Associazione Professioni Trasparenti apre il 7 febbraio la serie di incontri del 2009 con un convegno sulla trasparenza in alcuni ambiti professionali della società contemporanea. Dopo la presentazione del presidente dell’associazione Maria Cristina Koch, è Gin Martinez, manager e docente de Il Sole 24 ore, ad aprire la serie di incontri della giornata con “Sublimiamo la crisi – Good morning Vietnam”, un intervento tutto dedicato alla crisi finanziaria esplosa nel 2008 e ancora lontana dall’essere risolta. A seguire è la presentazione del libro “Misurare l’immateriale – Riflessioni per una società trasparente” edito da Franco Angeli. Curato da Giampaolo Lai e Maria Cristina Koch, realizzato in collaborazione con un nutrito gruppo di professionisti e studiosi, il volume presenta le conclusioni di tre anni di lavoro dedicati dall’Associazione Psicologia Trasparente (che conclude così il proprio percorso) a individuare un metodo per misurare le prestazioni fornite da coloro che utilizzano primariamente la parola e il colloquio per esercitare il loro mestiere. Ed è proprio a partire dalla domanda “Che cos’è la trasparenza in una relazione professionale?” che si sviluppa invece l’intervento delle coordinatrici del Cantiere Qualità Claudia Brini e Donatella Ravenna, che illustrano infatti il lavoro di raccolta dati realizzato allo scopo di redigere un manuale per riconoscere il professionista trasparente. Roberto Koch, direttore di Contrasto, presenta con una foto-proiezione l’Agenzia Magnum affrontando gli aspetti etici che hanno contraddistinto le scelte professionali dei suoi membri. Maria Grazia Guida, Direttrice della Fondazione della Casa della Carità e Presidente del Ce.A.S. (Centro Ambrosiano Solidarietà) conclude la serie di interventi raccontando in che modo è possibile applicare i principi della trasparenza non solo nelle attività rivolte al sociale ma anche nei rapporti con coloro, spesso emarginati e invisibili, che si rivolgono alle strutture pubbliche e private in cerca di aiuto. Chiude il convegno un dibattito tra i relatori e il pubblico, invitato ad approfondire gli argomenti esposti nel corso della mattinata